Guy Laroche Drakkar Noir 50ML

LAR-DRA-50ML

Guy Laroche Drakkar Noir 50ML

LAR-DRA-50ML

Prezzo di listino 71,00 €

Sconto -60%

Nostro prezzo 28,40 €

Profumo da Uomo Guy Laroche Drakkar Noir confezione da 50ML
- +

Acquistando questo prodotto guadagni 29 punti-sconto. Con il nostro programma 'ottieni più sconti' puoi guadagnare sconti con tante azioni semplici e divertenti.

Avvisami quando questo prodotto è in promozione

Spedizione gratuita per ordini superiori a 60€

Sito N.1 per servizio al cliente

Campioni omaggio in tutti gli ordini

Descrizione

Profumo da Uomo Guy Laroche Drakkar Noir confezione da 50ML

Lanciato nel 1982, Guy Laroche Drakkar Noir è un profumo maschile frizzante, speziato e aromatico, dalla sofisticata combinazione di note fruttate e legnose.
Questa eau de toilette si apre con forte odore di basilico, rosmarino pungente, il profumo fresco e nitido di menta verde, verbena leggermente speziata, dolce lavanda, e l'aroma luminoso di limone.
Nelle note di cuore troviamo la fragranza muschiata di Angelica, l'odore acre di assenzio, e un  aroma leggermente inebriante di ginepro e coriandolo.
Questo profumo rimane fresco per tutto il giorno con le sue note di fondo dall'odore terroso-legnoso di muschio di quercia, con una nuance speziata e asciutta di patchouli, cedro profumato, aghi di Pino balsamico.
Il naso dietro questa fragranza è Pierre Wargnye.

Piramide olfattiva
Note di Testa: Rosmarino, Artemisia, Lavanda, Basilico, Verbena, Bergamotto, Limone, Menta
Note di Cuore: Coriandolo, Garofano, Cannella, Ginepro, Gelsomino, Angelica, Assenzio
Note di Fondo: Cuoio, Legno Di Sandalo, Abete, Ambra, Patchouli, Muschio Di Quercia, Vetiver, Cedro

Altri prodotti della stessa linea

Recensioni

3 oggetto(i)

per pagina
  • Un classico sempre verde

    Recensito da Fabio Francesco il 07/09/2018

    Nelle note di fondo della piramide olfattiva troviamo la sfaccettatura definita “Fougère”; non è una nota precisa ma si tratta di un accordo storico costruito su lavanda, geranio, muschio di quercia, vetiver e cumarina. Il nome deriva dal profumo che diede vita a questa sfaccettatura ovvero “Fougère Royale” di Houbigant del 1882. La fragranza che negli anni ottanta ha più rappresentato il gruppo Aromatico Fougère, è di Laroche ed è ben conosciuta come Drakkar Noir EdT. In quest’epoca andavano forte Azzaro, Cerruti, Coveri, Trussardi ma il Drakkar è stato un vero e proprio mito. Io l’ho conosciuto in campeggio con gli amici, e usato in quantità notevoli; ora l’ho ritrovato grazie a Profumeriaweb, che lo propone ad un prezzo veramente allettante: non ho resistito. Eccomi quindi di fronte alla classica boccetta nera satinata, con scritte bianche e tappo nero a chiudere il flacone ogivale; le note di testa espresse alla prima vaporizzazione mi sembrano diverse rispetto alla formulazione originaria. Troviamo qualche accenno sintetico nell’interpretazione del Rosmarino, del Basilico e della Lavanda e una persistenza un po' scarna: occorre vaporizzare di più, senza parsimonia anzi, in abbondanza così escono anche gli agrumi e la Menta. Va molto meglio con le note di cuore che evidenziano la parte fiorita del Garofano e del Gelsomino e la parte speziata verde del Ginepro; allo stesso modo le note di fondo quali la Cannella, Ambra, Cedro, Resina, Sandalo e Abete ne esaltano la raffinatezza anche se non c’è grandissima tenuta nel tempo. La scia è importante, fresca, riconoscibile e inebriante ma la persistenza non è il suo forte. In particolare dopo una mattinata di lavoro, sugli abiti non resta pressoché nulla mentre qualcosa si percepisce ancora sulla persona. Fondamentalmente rimane il carattere verace e tutte le nuance prodotte dall’utilizzo di un ventaglio di materie prime veramente notevole e composito; oggi Drakkar è consigliabile perché diverso da tutto e da tutti, se vogliamo un po' fuori dal coro anche se non è facile trovare il momento più opportuno per indossarlo. Direi primavera/estate, tempo libero, tardo pomeriggio, al momento dell’aperitivo.

  • La mia "Recherche"

    Recensito da Massimo il 14/01/2018

    Anno di grazia 1986: allora avevo 18 anni (sigh!). Mi trovavo in un albergo nella “città delle luci” in gita scolastica con la mia scuola. Parigi era come una donna molto bella. Ma Parigi di notte era un’ irraggiungibile Dea ultraterrena. Io ero il classico nerd-secchione, non usavo profumi né dopobarba, mai usati prima d’allora. Andrea, il mio compagno di camera (sfrontato e "simpatico mascalzone", tombeur de femmes, sì insomma, l’opposto di quello che ero io!), una sera, prima di uscire per immergerci nei viali della Ville Lumière, si avvicinò a me furtivamente e mi spruzzò dietro alle orecchie una “strana” essenza. Vidi che aveva in mano il flacone del Drakkar Noir originale. Che rimase scolpito nella mia mente. E ricordo che venni folgorato fin dal primo istante da quel mix freschissimo, inebriante, coinvolgente. Che rimase scolpito nei miei sensi. Alcuni anni dopo , cominciai ad appassionarmi di profumi. E in un trentennio, credetemi, penso di aver “indossato” in svariate occasioni centinaia di essenze maschili, anche se quelle che poi scelsi di utilizzare in maniera più o meno stabile saranno state all’incirca una ventina, da Rive Gauche a CH Men, per arrivare all’ultimo, fino a un mesetto fa, ovvero Burberry London. Spulciando in web, quasi per caso, vidi che era tornato in produzione Drakkar Noir, anche se ero ben consapevole che la formula degli anni ‘80, inevitabilmente, avrebbe subito qualche variazione. Ne ordinai un piccolo flacone da questo sito, solo per provarlo, sicurissimo che ne sarei rimasto un po’ deluso. Quando pochi giorni fa mi è arrivato, dopo aver aperto la confezione quasi con una certa ansia, ho spruzzato un breve getto di Drakkar Noir sul mio polso sinistro. Ho annusato profondamente. E in quel momento, forse per la prima volta nella mia vita, ho compreso davvero il concetto di colpo di fulmine. Anche se, in realtà, quell’amore olfattivo era sbocciato 32 anni prima e mai si era spento; forse perché quella magica alchimia sensoriale, aveva finito col creare una specie di iniziazione che allora mi traghettò quasi istantaneamente dall’infanzia all’età adulta. Oggi ho capito, anzi, ho “sentito” che, da ora in avanti, non avrò mai più altro profumo all’infuori di Lui: il “mio” Drakkar Noir de Guy Laroche. Per sempre.

  • Di classe

    Recensito da Ivana il 27/10/2016

    Il profumo preferito di mio padre, lo utilizza ormai da anni. Non si trova più in negozio da molto tempo, per fortuna posso acquistarlo online su questo sito!
    Drakkar Noir è lussuoso ed elegante, perfetto per gli uomini di una certa età, ma anche per i ragazzi che hanno voglia di attribuire al proprio look un tocco di classe in più!

3 oggetto(i)

per pagina