I 6 migliori solari per bambini per un'alta protezione

17/07/2019

Creme solari per la pelle dei più piccoli e consigli per far prendere loro il meglio del sole.

Prima ancora di essere una pratica virtuosa, la protezione solare per i bambini è un concetto essenziale per la loro salute futura. Proteggere, infatti, la pelle dei più piccoli vuol dire abbassare notevolmente il rischio di sviluppare un tumore in età adulta. Gli studi* parlano chiaro: l’esposizione prolungata al sole e le frequenti scottature prima dei 15 anni di età incidono sul pericolo melanoma, anche a distanza di anni.

 solari per bambini

Creme solari per bambini: come scegliere una crema ad alta protezione

«Fino ai 18 anni siamo esposti a circa il 60% di luce solare del totale al quale saremo esposti lungo tutta la nostra vita» – specifica il dermatologo Leonardo Celleno, presidente di AIDECO (Associazione Italiana Dermatologia e Cosmetologia).

Lungi da lanciare allarmismi, i rischi sotto il sole diventano minimi se si mettono in pratica poche semplici regole

  • applicare sulla pelle del proprio bambino una crema con un fattore protettivo da molto alto (SPF 50+) ad alto (50);

  • rispettare tempi e quantità di applicazione: la protezione solare va applicata almeno 30 minuti prima dell’esposizione solare, in abbondante quantità, e riapplicata ogni 2 ore e dopo il bagno, anche a fine vacanza e ad abbronzatura raggiunta;

  • far indossare al piccolo cappellino e occhiali da sole, e, nelle ore centrali, magliette in fibre di cotone;

  • proteggere le zone a rischio dimenticanza, come: piedini, manine, ascelle e orecchie;

  • non esporre i bambini al sole diretto nella fascia oraria tra le 11 e le 15, quando i raggi UVB sono più forti;

  • proteggere i bambini anche con un cielo nuvoloso, poiché i raggi UV passano attraverso le nubi, esponendo lo stesso al rischio scottatura.

 solari per bambini

Perché i bambini hanno bisogno di una protezione solare alta?

«Perché, a differenza degli adulti, la loro pelle contiene meno melanina, una sostanza che si accumula nelle cellule più superficiali della pelle, proteggendola dai raggi UV, e che conferisce a ogni individuo la propria colorazione. Questa è presente in quantità minima in età pediatrica per poi aumentare progressivamente durante la crescita – spiega la Professoressa Susanna Esposito, Professore Ordinario di Pediatria presso l’Università degli Studi di Perugia e Presidente di WAidid (Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici - .Per questo, da maggio ad agosto, quando i raggi UV raggiungono la massima intensità, i bambini diventano i soggetti più a rischio ed è necessario difendere la loro pelle anche all’ombra. Gli effetti dei raggi UV, infatti, possono danneggiare la cute anche se non si è direttamente esposti al sole».

Alta protezione solare per i bambini con carnagione chiara

Particolare attenzione va prestata ai bambini con pelle molto chiara o chiara, capelli biondi o rossi: la loro pelle risulta estremamente sensibile, al punto che l’esposizione diretta è in genere sconsigliata. Nel caso in cui non fosse possibile evitarla, dovrebbe essere molto breve e limitata alle prime e ultime ore del giorno. Un suggerimento pratico? Comprare magliettine in tessuti anti-UV con cui poter fare il bagno in mare o piscina.

Si raccomanda di applicare creme protettive in caso di permanenza all’aperto per più di 20 minuti, anche se sono previsti giochi in cortile o giri in città.

solari per bambini

Creme solari per bambini: come scegliere una crema ad alta protezione

Per far sì che il prodotto solare sia vissuto con piacere, scegli creme leggere che si spalmino facilmente e si assorbano in fretta. Negli ultimi anni sono state formulate, inoltre, creme solari per bambini a prova di capriccio e di giochi in spiaggia: trovi qualche esempio a questo link

I migliori solari per bambini hanno in genere un fattore di protezione alto, da SPF 50+ a SPF50: quest’ultimo è consigliato a bambini con pelle da media a scura che diventa colorita facilmente. Sono ipoallergenici e senza profumo. In più resistono all’acqua, garantendo una protezione solare fino a 80 minuti di bagno: te ne accorgi dalla dicitura “water resistant”.

Altre chicche sui solari per bambini? Ci sono prodotti con erogatori a spray, perfetti per applicare la crema “a tradimento”, quando devi rincorrere il tuo bambino per proteggerlo; creme anti-sabbia che evitano l’effetto cotoletta, lasciando il piccolo libero di giocare con la sabbia e scorazzare in spiaggia; e creme classiche per bimbi che amano coccole e massaggi.

solari per bambini

Non mancano creme solari multifunzione: oltre a proteggere da sole, alcuni prodotti fungono da repellenti contro meduse o zanzare tigre.

Cosa fare in caso di scottatura

E se, nonostante le precauzioni sotto il sole, si manifesta la scottatura? Se è lieve, cioè compare sotto forma di pelle arrossata e con prurito, un rimedio efficace è rappresentato dagli impacchi di acqua fredda: applicati sulla zona interessata, riducono la temperatura e alleviano il dolore. Se, invece, la pelle scottata presenta gonfiore e bolle, meglio non ricorrere ai rimedi fai da te, preferendo una visita dal pediatra.

Ecco i migliori solari per bambini 

Potrebbe interessarti anche:

Abbronzatura perfetta: i migliori solari del momento

Solari: la texture ideale per la tua vacanza

Cinque miti da sfatare sui solari

Cinque rimedi per le macchie in estate

FONTI

* https://journals.lww.com/co-pediatrics/fulltext/2013/02000/Current_principles_of_sunscreen_use_in_children.19.aspx

 

Credit ph: Pixabay, Pexels