Angel e Alien, la storia dei due profumi bestseller di Mugler

28/01/2019

Due profumi inconfondibili che hanno rivoluzionato il corso delle creazioni olfattive. Impossibile non riconoscerli, sono perfetti per chi ama i sentori orientali. Diversi, eppure simili nell’ispirazione che si deve l’uno ai ricordi di Mugler (Angel) e l’altro ai suoi sogni (Alien). Scoprili con noi!

angel mugler

Creato nel 1992 dal naso Olivier Cresp, Angel di Mugler è il primo profumo “goloso” della storia della profumeria. È suo il merito di aver inaugurato il genere gourmand-orientale, composto cioè da quelle fragranze che "ti vien voglia di mangiare". Ma il suo essere succulento non è il solo primato di Angel: il flacone a forma di stella, il colore celeste del jus e la possibilità di ricaricarlo ne fanno un profumo davvero rivoluzionario.

angel mugler

In più di 20 anni è entrato nella classifica dei 10 profumi più venduti nel mondo (fonte: Clarins).

Angel di Mugler: l’ispirazione

Angel si ispira ai ricordi di infanzia dello stilista e fotografo francese Thierry Mugler, che nella Strasburgo degli anni ‘50 si lasciava incantare dalle atmosfere ambivalenti dei luna park. Tra le luci e le attrazioni tipiche delle giostre, si insinuavano maschere un po’ sinistre. Ma l’odore di vaniglia, zucchero filato e caramello rassicuravano il piccolo Mugler. Una sensazione di dolcezza che 40 anni dopo il geniale e visionario couturier avrebbe voluto racchiudere in un profumo, meglio definito come il suo manifesto olfattivo.

È proprio lo stilista francese infatti a dare indicazioni al maitre parfumier Olivier Cresp a inizio anni ’90. Dopo 460 prove, ecco realizzato un profumo originale mai sentito prima di allora: Angel.

angel mugler

La composizione olfattiva di Angel di Mugler

La piramide olfattiva di Angel è volutamente avvolta nel mistero. Di certo è che contiene note di vaniglia, more selvatiche, cumarina, cioccolato. Nel suo aroma inconfondibile c’è persino quel lievissimo gusto di sale che si aggiunge ai dolci di preparazione da chef. E poi c’è il patchouli a cui è stato aggiunta una goccia della molecola di etilmaltolo che ha il profumo di caramello e di bonbon. Il risultato? Una delizia zuccherina, ispirata dai sapori golosi e gioiosi delle merende d’infanzia.

angel mugler

Il flacone di Angel

Ed è sempre di Thierry Mugler stesso l’idea di racchiudere Angel in un flacone a forma di stella. Rivangando le sue memorie di infanzia in cui fissare le stelle lo calmavano, ha dichiarato: «Erano una presenza magica e al tempo stesso molto reale, lontana ma anche incredibilmente vicina, che mi lanciava segnali di conforto».

Angel è il tuo profumo preferito o la fragranza che vuoi provare? Per te è in super offerta!

Come nasce Alien di Mugler

A più di 20 anni di distanza dalla nascita di Angel, Mugler lancia un altro profumo destinato a replicarne il successo planetario. Si tratta di Alien, appartenente al genere ambrato-boisé-fiorito, creato dai Dominique Ropion e Laurent Bruyere. È il 2005. Una fragranza immediatamente riconoscibile che risveglia emozioni intense e dà vita a energia positiva.

alien mugler

Alien di Mugler: l'ispirazione

Alien già nel nome evoca la promessa di un “mondo altrove” desiderato dallo stilista, che ha così espresso la sensazione olfattiva che vuol suscitare: «Alien si ispira ai miei fantastici viaggi immaginari che connettono le origini del mondo con un futuro di speranza. Invita a esplorare l’inatteso e lo straordinario, rivelando l’impenetrabile». Di ogni donna.

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mugler (@muglerofficial) in data:

La composizione olfattiva di Alien: scoprila con noi!

Il segreto di Alien Eau de Parfum risiede nel dosaggio sottile tra il luminoso gelsomino sambac e l’ambra bianca, dal sentore più animale e avvolgente. Il legame tra questi due poli antagonisti è stato reso perfetto dall’aggiunta di una nota boisé carica di mistero: il legno di cashmeran.

Le altre versioni di Alien di Mugler

Rispetto alla versione più concentrata, Alien Eau de Toilette (2009) è più fresco e gioioso, poiché nel jus fiorito-legnoso sono state aggiunte note frizzanti di mandarino e anice stellato.

In Alien Essence Absolue Eau de Parfum (2012), l’inconfondibile jus di Alien si arricchisce della nota gourmand di vaniglia.

Alien Eau extraordinaire (2014) è una eau de toilette più fiorita rispetto alle precedenti versioni di Alien, poiché contiene fiore di tiaré ed eliotropo su accordi di bergamotto.

Alien Flora Futura Eau de Toilette (2018) è l’ultima fragranza della “famiglia” di Alien. Le note ambrate si arrichiscono di accenti verdi e fioriti. Si apre in testa con la “Mano di Buddha”, agrume dalla freschezza acidula, si rivela nel cuore con il fiore del cactus noto come “Regina della Notte” e termina con una carezza avvolgente data dall’ambra bianca e dal legno di sandalo.

Scegli fra le diverse versioni di Alien!