Puoi sottoporti a decolorazione e super schiarenti? Scoprilo con il test dell’elasticità del capello

28/05/2021

Agenti atmosferici, inquinamento, prodotti troppo aggressivi, strumenti di styling sbagliati, sono spesso la causa del deterioramento dei nostri capelli che risultano deboli, opachi, sottili, spenti, senza vigore. Come possiamo capire quanto sono davvero danneggiati e se possono essere sottoposti a trattamenti con prodotti chimici come decolorazioni e schiariture?

Il test dell’elasticità del capello può rispondere a queste domande. Si tratta di un metodo semplice e rapido utile a conoscere la condizione della struttura cheratinica del fusto del capello che, per le suddette cause, può perdere in compattezza e in resistenza, dunque non è più in grado di sopportare i trattamenti aggressivi.

Test numero 1: prendete una piccolissima ciocca, bagnatela tenendola tra indici e pollici e tiratela leggermente. Se i capelli si allungano e poi tornano alla loro lunghezza normale, significa che sono sani e che potete procedere con i trattamenti. Al contrario, se restano allungati o addirittura si spezzano, evitate accuratamente di trattarli con decolorazioni e super schiarenti.

Test numero 2: immergiamo una piccola ciocca di capelli in un bicchiere d’acqua. Se la porosità è bassa il capello galleggia, quindi è sano. Se la ciocca rimane all’incirca alla metà del bicchiere le sue condizioni sono buone. Se, invece, scende appoggiandosi sul fondo, allora i tuoi capelli sono al top della porosità, non possono sopportare decolorazioni e necessitano di cure e di interventi d’urto. Il film lipidico che copre lo strato più esterno della cuticola e funge da barriera naturale va assolutamente ripristinato.

Regola numero 1 – correre ai ripari

Un taglio alle lunghezze e l’utilizzo di prodotti specifici per capelli danneggiati sono la prima cosa da fare. I prodotti che consentono di risolvere il problema dei capelli sfibrati sono numerosi e abbiamo la possibilità di scegliere tra diversi principi attivi: dalla cheratina, all’argan, alle proteine della seta, all’aloe vera, alle vitamine, agli olii biologici, al cocco, ai minerali. Il mercato offre prodotti singoli, set e kit riparatori per capelli composti da shampoo, balsami, maschere, impacchi, sieri, fiale, spray che regalano effetti straordinari già dopo le prime applicazioni. Si tratta di prodotti che rigenerano, ricostruiscono, rivitalizzano e rimpolpano, fornendo al capello tutto ciò di cui necessita per tornare forte, morbido, setoso e luminoso.

shampoo

trattamenti

Regola numero 2 – cambio look e li curo

Un taglio risolutivo e un cambio di look potrebbe essere il giusto intervento da fare, in caso di capelli irreversibilmente danneggiati. Naturalmente in abbinamento all’ haircare routine. Affidandovi al vostro hairstylist di fiducia, il quale potrà studiare un hairstyle su misura per voi e consigliarvi quali principi attivi scegliere e come utilizzarli, potrete regalarvi una sferzata di energia con un look rinnovato e nel frattempo riscoprire la sana abitudine di utilizzare i prodotti giusti per la cura dei vostri capelli, come non avete mai fatto prima o come non facevate da tanto tempo. Ricordatevi che icapelli sono un “dettaglio” essenziale del vostro viso e meritano tutte le cure e i gesti quotidiani che ne assicurino salute e bellezza. D’ora in poi, vietato trascurarli!

Regola numero 3 – curarli tutto l’anno

I capelli esposti al sole, al vento, agli sbalzi termici, allo smog, soffrono durante tutto l’anno. Impariamo a proteggerli sempre, in ogni stagione e in ogni situazione, esattamente come facciamo per la nostra pelle. I prodotti che riparano servono anche a prevenire, a mantenere nutrita la struttura del capello, a prepararlo agli stress estremi. Uno di questi è sicuramente l’esposizione prolungata ai raggi UVA. I prodotti solari per capelli sono un rimedio essenziale sia per la prevenzione sia per la riparazione dei danni causati dal sole e dalla salsedine. Ve ne sono in diverse formulazioni: spray, olii, maschere, sieri. Se li usiamo con costanza, possiamo ottenere risultati sorprendenti e dire addio ad aridità e doppie punte a fine estate. Ricordiamoci che il sole aggredisce la guaina proteica del capello colorato, quindi in estate è consigliabile anche scurire di un tono il colore preferito e rimandare a settembre schiariture e shatush. Le colorazioni senza ammoniaca o a base di olii naturalirappresentano un’ulteriore alternativa per limitare i danni e sono sempre consigliate a chi ha una cute sensibile.

protettori solari

colorazione

Regola numero 4 – i capelli al maschile

Questa regola è dedicata agli uomini: non pensiate di essere esenti dal capello danneggiato e stressato e dalla necessità dell’haircare routine! Anche i vostri capelli, più o meno folti, lunghi, corti o radi, hanno bisogno di cure, sempre. Esistono in commercio prodotti studiati per voi, formule specifiche a base di principi attivi che nutrono, idratano, riparano, regolarizzano anche la cute aiutando a prevenire la caduta. Vietato essere pigri!

uomo

Regola numero 5 – anche i capelli sani hanno bisogno di cure

Ebbene sì, lo dicono tutti gli esperti. Prevenire è meglio che curare e anche chi ha la fortuna di avere capelli sani e forti in natura deve curarli. I fattori di rischio non risparmiano nemmeno loro, dunque una hair beauty routine all’insegna di principi attivi che donano nutrimento e protezione migliorando l’elasticità, significa valorizzare e mantenere sana una chioma già fortunata. Altra raccomandazione importante che vale per tutti i tipi di capello: usate hairstyling accessories di qualità: spazzole, phon, arricciacapelli, piastre ed elastici giocano un ruolo importante nella partita del capello sano.

accessori

E tu, di che capello sei?

Buon test del capello a tutti!